Scrittura creativa, corso pratico con Anna Talò

Siamo ormai alla sesta edizione del Corso di scrittura creativa Scrivere Narrativa, ed i feedback dei partecipanti sono uniformi, apprezzandone il taglio e l’impostazione. Ci siamo trovati subito “in linea” con la Maestra Anna Talò con cui condividiamo il desiderio di dare strumenti pratici ed utili per cimentarsi con le proprie passioni.

Anna ha risposto ad alcune domande per raccontare cosa ci si può aspettare partecipando a questa esperienza.

Quali sono, se esistono, gli elementi più sottovalutati da chi si avvicina alla scrittura?
Prima di tutto, non basta il talento. Puoi avere una bellissima storia in mano e anche uno stile interessante, ma se non ti metti nei panni del lettore (mi sono spiegato? Ho dato tutte le risposte? Il mio racconto segue un filo logico?…) verrà fuori una schifezza.
Serve molto lavoro, inteso come lettura, ricerca, correzione del testo, disponibilità a rimettere il manoscritto in discussione. E il coraggio di tagliare, magari personaggi o frasi o parti che ci piacevano, se nell’economia generale del racconto o del romanzo ci accorgiamo che non sono funzionali.
Quali sono le caratteristiche di un testo che lo rendono “bello”?
Se ti porta via da dove sei e ti fa venire voglia di girare una pagina dietro l’altra, allora è “bello”.
 
Secondo il tuo pensiero, l’affermazione “Questo è testo ben scritto/bello” è un pensiero oggettivo o soggettivo?
Tutte e due le cose. Ciò che ci piace, ci emoziona, è qualcosa di totalmente soggettivo. Ma se il testo manca di coerenza, e quindi non si riesce a seguire la trama, quello è un difetto oggettivo.
Come consiglieresti di allenare la componente creativa della scrittura?
Iniziando in piccolo, come facciamo in ehi!, con dei racconti, magari prendendo spunto dalla lettura dei giornali o da storie universali (favole o romanzi molto noti) per delle riscritture. Niente come lavorare con delle limitazioni stringenti – che è il primo esercizio che facciamo in ehi! – fa venire a galla gli aspetti che dobbiamo perfezionare.
E poi leggere, leggere il più possibile: in Italia tutti hanno un romanzo nel cassetto, ma siamo un Paese in cui non si legge più. E’ triste e, per un aspirante autore, anche presuntuoso.
Anna Talò - scrittura creativa - scrivere narrativa

Imposti l’attività del corso con due esercitazioni, dai i compiti a casa e li correggi anche! E noi sappiamo quanto questa impostazione sia gradita dai partecipanti. Che riscontri hai dalle esercitazioni svolte in questi mesi?
Credo che sia una formula che piace perché ti fa toccare con mano quali sono i meccanismi che funzionano e quali no. E il fatto di fare una riunione di redazione, nel secondo e nel terzo appuntamento, in cui discutiamo insieme i racconti, serve a fornire ai partecipanti una casistica degli errori più comuni, così da non ricascarci quando scriveranno per conto proprio.
Il riscontro è molto positivo perché ciò che voglio è togliere il velo delle illusioni a chi vuole scrivere (no, neppure gli scrittori più famosi creano un romanzo di getto, senza dedicare mesi alle correzioni, alle discussioni con l’editor, e mille altri passaggi, prima di vederlo pubblicato), per far capire com’è il lavoro dello scrittore professionista, e vedo che c’è voglia di mettersi alla prova comunque.
Cosa ti piace della nostra/tua esperienza in ehi! che corsi?
Il fatto di poter affrontare la scrittura dal punto di vista soprattutto pratico: secondo me, si impara a scrivere per gli altri (che è quello che fa un autore) a forza di esercizio. In teoria sembra tutto semplice, è quando ti devi fare capire, senza rinunciare alla ricerca di un tuo stile, che saltano fuori le difficoltà.
Ci sono stati scritti che ti hanno emozionata?
Sì. Quelli fatti bene, sempre. Quando sono imperfetti, ma colgo la complessità di chi ha scritto, che ci ha messo qualcosa di suo, ed è una dimostrazione di fiducia importante. E quando vedo un netto miglioramento fra il primo e il secondo racconto, perché significa che il corso è stato utile.

L’esperienza di Anna e la possibilità di far visionare i propri scritti da una professionista del suo livello sono un’occasione ghiottissima per chi vuole misurare le proprie capacità di scrittura.

Il corso di scrittura “Scrivere Narrativa” si tiene il sabato mattina, per informazioni e programma consulta la pagina del sito Scrivere Narrativa.

Il Corso si svolge a Milano il sabato mattina in ehi! che corsi